x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Battaglin, azienda vivace e dinamica

8 March 2018
di Sebastiano Modica
Ampio spazio alla personalizzazione ma anche a un’altissima qualità che tiene fede al blasone del brand di Marostica. Tre i modelli: Altair, Amarcord e Casanova. E con il progetto Ermitage sipuò dare un tocco personale alla propria bicicletta scegliendo tra una varietà di finiture, partendo dalla verniciatura, lucida o opaca
Battaglin, azienda vivace e dinamica

A volte andare controcorrente potrebbe apparire come la strada più insidiosa piuttosto che imboccare quella più semplice seguendo le tendenze di mercato.
Ciononostante c’è invece chi sceglie appunto di percorrerla con lo scopo anche di rilanciare la propria immagine forte di una scuola che ancora oggi detta le regole per stile, qualità e storia.
Parliamo di una scuola, quella della produzione di telai per biciclette, che ha visto e vede tuttora fior di aziende italiane che, in un mercato per gran parte dominato da produttori che investono nel “Far East” asiatico, scelgono di puntare sulla “italianità” del prodotto.
E Battaglin è uno di questi.
Il marchio veneto, che fa capo al Giovanni vincitore di una doppietta Giro-Vuelta nel 1981, si dimostra azienda vivace e dinamica e per il 2018 alza il sipario su alcune novità con l’aggiunta di un servizio di personalizzazione che farà certamente felici gli amanti della customizzazione.

Carbon is… real

Ai puristi dell’acciaio sembrerebbe un’eresia eppure dopo decenni trascorsi a produrre tra le migliori specialissime in acciaio in commercio, Battaglin cala un “tris d’assi” in fibra di carbonio che fanno delle nuove arrivate tre biciclette allo stato dell’arte.
I punti di forza sono la manifattura totalmente italiana, dalla scelta delle fibre fino alla produzione vera e propria.
Il metodo costruttivo si fregia della tecnica TTT, Tube to Tube, con i punti di giunzione ulteriormente rivestiti di fibra di carbonio. Come si può ben capire pertanto, ampio spazio alla personalizzazione ma anche ad un’altissima qualità che tiene fede al blasone del brand di Marostica.
Tre i modelli quindi: Altair, Amarcord e Casanova.

Altair

L’ Altair è delle tre la “tuttofare” capace di coniugare in un unico telaio tocchi stilistici atti a ridurre la resistenza aerodinamica con una geometria ottimizzata per le lunghe giornate in sella. Un’attenzione particolare dal punto di vista aerodinamico la si può notare dalle forme dei foderi del carro e dall’integrazione della testa forcella con la parte inferiore del tubo piantone.
Realizzato in fibra di carbonio UD Torayca T1000, la Altair presenta passaggio cavi integrato, serie sterzo integrata e movimento centrale press fit BB86. Per quanto concerne la scelta taglie l’Altair è proposta in 6 taglie standard e la possibilità di averla su misura al medesimo prezzo del modello stock.
Anche per la Altair vi è assoluta compatibilità con freni caliper Direct Mount e con trasmissione elettronica EPS/Di2.
Tre le varianti cromatiche: Velvety Blue, Rose Gold e Chromed Red.

Battaglin, azienda vivace e dinamica

Amarcord

L’Amarcord a differenza dell’Altair ha forme più tradizionali essendo il modello specifico per un utilizzo Endurance. Sebbene racchiuda il dna tipico delle fuoriserie venete,
l’Amarcord si rivolge ad un pubblico che privilegia il comfort e il cui campo di battaglia sono le Granfondo.
Telaio realizzato in fibra di carbonio UD ad alto modulo, forcella tapered Columbus Futura caliper, movimento centrale Press Fit da 86.5mm, reggisella da 27.2mm di diametro, assoluta predisposizione per trasmissione elettronica EPS/Di2 e passaggio cavi interno.
Come qualsiasi mezzo votato al comfort il passaggio ruota accoglie coperture anche da 28mm a tutto vantaggio del comfort.
Due i colori proposti entrambi in tonalità opaca, Rosso o Bianco.

Battaglin, azienda vivace e dinamica

Casanova

La Casanova è la terza proposta e come si evince dal look la ricerca a ridurre il più possibile la resistenza aerodinamica è stato l’obiettivo primario dei tecnici. La costruzione rimanda alla tecnica TTT con fibre Torayca T1000 3K Hi-Mod, la Casanova è delle tre quella che meglio di qualunque altra si rivolge agli utilizzatori che ricercano in una bicicletta la massima prestazione con la minima resistenza aerodinamica.
Il reggisella anch’esso dal profilo aerodinamico è regolabile con un sistema di chiusura integrato nel telaio, la forcella monoscocca con cannotto tapered ed il movimento centrale PressFit 86.5mm promettono grande rigidità e precisione di giuda.
A differenza degli altri modelli, la Casanova accoglie coperture fino a 25 mm.
Passaggio cavi interno e totale predisposizione per la trasmissione elettronica EPS/Di2.
Come per la l’Amarcord, le varianti cromatiche sono due in tonalità opaca, Rossa o Bianca, tutte disponibili in 6 taglie, dalla XS alla XXL.

Battaglin, azienda vivace e dinamica

Ermitage

Cosa accomuna Battaglin e il celebre museo Ermitage di San Pietroburgo, ove vi sono custodite alcune delle opere dei più grandi artisti italiani ed internazionali di tutti i tempi? L’amore per l’arte ovviamente e non poteva esser scelto nome più azzeccato per presentare il nuovo servizio di personalizzazione offerto per i modelli Casanova e Amarcord.
Con il progetto Ermitage il cliente potrà dare un tocco personale alla propria bicicletta scegliendo tra una moltitudine di finiture partendo dalla verniciatura, lucida o opaca.
La verniciatura lucida Luxury dà al telaio un tocco di eleganza e brillantezza, con i colori Pastello sulla Casanova oppure metallizzati sull’Amarcord.

Non manca la vernicatura opaca Sporting, di grande tendenza con la peculiarità di esaltare le forme del telaio. Anche i colori Fluo fanno parte della tavolozza Ermitage di Battaglin per dare un tocco più estroso e trendy, oppure Heritage per il modello Amarcord con 3 tonalità di colori per chi desidera dare un accento “senza tempo” alla propria bicicletta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA